Birra del Borgo vende ad AB-Inbev

E' proprio così che se ne va una delle bandiere del movimento brassicolo artigianale italiano: Birra del Borgo vende a AB-Inbev, il più grande colosso internazionale della birra.

Birra del Borgo vende ad AB-Inbev fermentobirra.com
Vota questo articolo
(0 Voti)

Sicuramente i soldi fanno gola a tutti. La vendita del 100% delle quote del birrificio rietino (proprio sulla strada che dalla nostra Umbria conduce all'Abruzzo e a l'Aquila) fa comprendere quanto sia complesso districarsi fra leggi e regolamenti sempre più stringenti e la tassazione più alta d'europa sulla produzione di birra.

Tuttavia, la cessione completa dell'attività di Borgorose, anche se il fondatore Leonardo di Vincenzo minimizza, apre la porta a un domino di acquisizioni che potrebbero compromettere quanto di buono visto fino ad oggi nel fermento birrario italiano
Se è vero, infatti, che i soldi servono, è vero anche che la ricerca e la sperimentazione sono stati il cavallo di battaglia della birra italiana che ha conquistato i mercati esteri, tedesco e inglese in primis.

Che ne sarà quindi di questa creatività?

BastianBirraio è nato in totale controtendenza con quanto visto in questi giorni. La sperimentazione si fa ogni giorno e il fabbisogno di denaro si limita investendo in progetti sostenibili e diretti.

Molte birrerie che hanno basato la loro storia sulla birra artigianale, come Macché di Roma, hanno già dichiarato di voler boicottare il marchio dell'amico Di Vincenzo.
Non c'è da biasimarli: l'artigianalità è fatta di tante componenti, tra cui la titolarità del marchio che è sempre in mano a quei "pazzi" visionari che hanno concepito non solo l'azienda e i prodotti, ma tutta la filosofia che si associa a quell'azienda e a quei prodotti.

Noi di BastianBirraio contrastiamo il diffondersi dei colossi con la nostra politica "porta-a-porta", dal sapore retró e con un rapporto diretto non solo con il birrificio ma con gli stessi titolari.
Pensiamo che praticare il vuoto a rendere sia corretto nei confronti dell'ambiente e per rendere la nostra birra ancora più sostenibile.

È proprio un momento in cui la "pazzia" deve essere un po' più "pazza" del solito...
Noi siamo quanto di più locale e diretto si possa aspettare da un birrificio. E siamo pronti a dimostrarlo.

Fonte dell'immagine: www.fermentobirra.com

Ultima modifica il Sabato, 02 Luglio 2016 10:23